LA METAFORA DELLO ZAINO

Prendiamoci qualche minuto per ascoltare le parole del personaggio di Ryan nel monologo del film “Tra le nuvole”  del 2009 diretto da Jason Reitman e co-sceneggiato dallo stesso Reitman con Sheldon Turner basato sull’omonimo romanzo di Walter Kirn.

Credo che quella dello zaino sia una metafora pungente e brillante per spiegare quanto nella vita noi tutti spesso ci appesantiamo di cose materiali, di preoccupazioni, di paure, di relazioni ingombranti, di cose che spesso non ci appartengono neanche.

“Questo è quello che noi facciamo quotidianamente, ci appesantiamo a tal punto di non riuscire a muoverci e state pur certi…il movimento è vita”

Cosa potremmo togliere dal nostro zaino per riuscire a camminare con le nostre gambe??? Quali sono le cose che più appesantiscono la nostra vita e che ci fanno rimanere spesso immobili con quella sensazione di staticità, quasi imprigionati in noi stessi?

Spesso sono proprio le relazioni, i rapporti con i nostri cari, con gli amici, con i colleghi che ci intrappolano in situazioni che non riusciamo più a gestire. Perché avviene questo? Perché, non di rado, tendiamo a caricarci delle trattative, dei segreti, dei problemi degli altri proprio come fossero i nostri, perché spesso i problemi degli altri diventano anche i nostri…

“Non dovete accollarvi tutto quel peso, perché non appoggiate lo zaino a terra???”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...