La Co- terapia

“ Quando sono sulla fune, quando dopo aver afferrato la mia asta da equilibrista, sono pronto a partire, devo sapere in anticipo, prima di fare il primo passo, che arriverò dall’altra parte. Se non lo sapessi fuggirei via, perché sarebbe terrificante”

Credere nel vuoto, Philppe Petit

 

Quando la situazione lo richiede, sopratutto nelle terapie familiari e alcune volte in quelle di coppia, mi piace affiancarmi, all’interno del mio studio, di terapeuti che hanno la mia stessa passione per questo lavoro. A volte è necessario lavorare in co- terapia poichè alcune situazioni richiedono la presenza di due professionisti: questo serve ad avere una visione d’insieme rispetto alle situazioni che i singoli portano all’interno di un sistema più ampio che sia questo familiare o di coppia.

E’ una forma di collaborazione, che nel pieno rispetto della privacy, serve alla famiglia o alla coppia in terapia, per avere punti di vista diversi che vanno verso la stessa direzione, la scomparsa dei sintomi e un benessere ritrovato.

 

“Sono le relazioni che costituiscono gli individui. […] Durante il lavoro di co-terapia “si gioca in doppio, come in una partita di tennis”

 N. Di Cesare